FESTIVAL DEL CINEMA RUSSO

PREMIO FELIX

Una scultura è espressione di un pensiero, di una immagine. Il pensiero è composto da molteplici vettori sensoriali. Vettori che stimolano una formalizzazione materica nella quale si racchiude il senso universale.
Codice univoco è la componente metafisica e la razionalità storica.
Forme curvilinee che racchiudono una spinta e una grazia, continua e presente. Geometrie e spazi che sono le coordinate dell’ azione storica dell’uomo. Da questi due elementi è forgiata la stessa immagine, una presenza contenente forza e forma, come trionfo, come regalo, come riuscita.

La scultura è composta da due piani rettangolari che si incontrano. Uno rappresenta la metafisica, la spontaneità, una creatività piacevole e dolce melodia, in aspettativa dell’intuizione formalizzante l’intenzionalità.
L’altro rappresenta l’Uomo nella sua piena forma, con il suo Oggetto realizzato, tondo, concreto e sostanziale.